Corte costituzionale 20 giugno 2019, n. 195

Decreto sicurezza (decreto-legge 04/10/2018, n. 113, convertito, con modificazioni, in legge 01/12/2018, n. 132) – Estensione alle aree su cui insistono presidi sanitari dell’ambito applicativo del divieto di accesso in specifiche aree urbane [c.d. Daspo urbano] – ammissibilità del ricorso in quanto la misura è idonea a riverberarsi sulle attribuzioni regionali in materia di sanità – infondatezza della questione essendo possibile una interpretazione della norma costituzionalmente orientata che garantisca l’accesso, l’erogazione delle cure e il divieto di allontanamento – Accordi per misure di prevenzione nei pubblici esercizi a fini di sicurezza pubblica – violazione del principio di leale collaborazione per mancato coinvolgimento delle regioni – illegittimità costituzionale e fondatezza del ricorso – reductio ad legitimitatem sostituendo il riferimento al coinvolgimento della “Conferenza Stato-città e autonomie locali” contenuto nella norma con quello alla “Conferenza Stato-regioni, città e autonomie locali”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *