Articoli

Corte Costituzionale, 24 febbraio 2021, n. 54

Ricorso dello Stato in Corte costituzionale per pretesa violazione dell’art. 117 Cost. – idoneità di una fonte secondaria a esprimere principi fondamentali delle materie di competenza legislativa concorrente – sussiste allorché in settori squisitamente tecnici gli atti statali di normazione secondaria intervengano a completare la normativa statale primaria – i requisiti di abitabilità dei sottotetti concernenti altezza e aeroilluminazione non sono regolati al livello di legislazione statale – legittimità della disciplina regionale in materia.

Corte Costituzionale, 12 gennaio 2021, n. 20

Nelle impugnazioni in via principale di leggi regionali si pone in termini particolarmente rigorosi l’onere di indicazione dei parametri costituzionali di cui si lamenta la violazione e di adeguata motivazione delle censure proposte, specie allorché i principi evocabili tocchino àmbiti materiali diversi.

La norma che consente ai bandi di concorso regionali di esonerare dalle eventuali preselezioni i candidati che al momento della domanda siano già dipendenti dell’amministrazione procedente da almeno cinque anni non incide sulla materia dell’ordinamento civile, riservata allo Stato ai sensi dell’art. 117, secondo comma, lett. l), Cost., al quale spetta la competenza in materia di disciplina dei rapporti di lavoro già sorti, bensì sulla materia dell’organizzazione amministrativa regionale, riconducibile alla competenza residuale delle Regioni, trattandosi di disciplina delle modalità di accesso al lavoro pubblico regionale.